EMERGENZA COVID

I numeri a VERONA
0
CASI TOTALI
0
ATTUALMENTE POSITIVI
0
DECEDUTI
0
GUARITI

Le proposte per la Fase 1

Nella Fase 1 dell’emergenza l’obiettivo è limitare la diffusione dell’epidemia e proteggere gli operatori più esposti al rischio di contagio.
Su questi temi la regione Veneto è intervenuta inizialmente a singhiozzo, prima protestando contro le zone rosse e successivamente chiedendo a giorni alterni aperture e chiusure.

La mancanza di protezioni adeguate, mascherine, camici e occhiali, adeguate per i medici di base, per le guardie mediche, oltre che per i dipendenti della sanità e gli operatori delle case di riposo, era ed è la priorità su cui la Regione deve intervenire. 

SERVE METTERE IN SICUREZZA I NOSTRI OPERATORI SANITARI SUL TERRITORIO.

Nel frattempo abbiamo chiesto alla Regione di istituire dei fondi di sostegno a lavoratori, famiglie e imprese. I fondi stanziati dalla Regione Veneto sono troppo pochi. L’Emilia Romagna ha approvato un piano di aiuti di 320 milioni di Euro. Il Lazio e la Campania hanno stanziato 400 milioni. Il Veneto meno di 13.

È necessario:

COMMISSIONE D'INCHIESTA SULLE CASE DI RIPOSO (VIDEO)

I numeri in VENETO
0
CASI TOTALI
0
ATTUALMENTE POSITIVI
0
DECEDUTI
0
GUARITI

Le proposte per la Fase 2

Relativamente alla Fase 2, il Partito Democratico è intervenuto compatto e con forza in Consiglio Regionale per richiedere forti e precisi interventi a sostegno delle situazioni più deboli ed esposte.

Abbiamo chiesto:

Inoltre ho proposto le seguenti misure: